Un passo indietro, anzi due.

L’opinionista e editorialista della nostra redazione in relazione alla partita di Sabato a Bergamo —

Pubblicato alle ore 20:00 —

Abbiamo ripreso la strada del gambero, compiendo notevoli passi indietro rispetto alle ultime prestazioni. Dopo che la squadra aveva trovato un’esatta collocazionen sul campo, è bastata l’assenza di Brozovic (squalificato) e Candreva non al meglio, ma portato in ogni caso in panchina, per far emergere la ristrettezza della rosa a disposizione quanto mai risicata e non all’altezza.

Spalletti ha cambiato modulo schierando la difesa a tre, spostando in avanti sulla destra Cancelo (che alterna preziosismi da far spellare le mani  per gli applausi, ed erroracci che costituiscono il preludio alla rete degli avversari) ed il redivivo Santon che, ancora una volta, dimostra tutti i suoi limiti, e forse si cominciano a intravedere le cause del rifiuto delle squadre ad acquistarlo, ogniqualvolta l’Inter riesce a trovargli una collocazione lontana da Milano.

Contro degli sconosciuti (infatti la Dea era orfana di Petagna, Ilicic, Spinazzola, Rizzo e Palomino) la squadra ha faticato fin troppo a mantenere la porta inviolata, a cui ha dato un notevole contributo il solito Handanovich e Miranda che ha fermato tutto ciò che passava dalle sue parti.

Abbiamo inoltre le polveri bagnate, infatti l’Inter è la squadra che ha pareggiato più volte per zero a zero in questo campionato ossia ben sei (quattro fuori casa), ed ancora in trasferta si soffre tantissimo registrando un solo successo nelle ultime nove gare giocate lontano da San Siro. Aggiungiamo infine che era dal febbraio del 2012 che la squadra non rimaneva a secco per tre gare di fila ed il quadro è fatto.

Con questi numeri non si va da nessuna parte e chissà a quale santo votarci per tentare di raggiungere il quarto posto, obiettivo vitale per la società.

Un’ultima considerazione: perchè, una volta constatato che le scelte iniziali si sono rivelate errate, non cambiare in corso d’opera evitando di attendere gli ultimi minuti della gara quando ormai i giochi sono fatti?

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *