OCCASIONE SPRECATA

L’opinionista ha dichiarato l’Inter ha buttato una grande occasione contro la Roma —

Pubblicato alle ore 15:00 —

Mischia le carte in tavola Spalletti lasciando in panchina, almeno per l’inizio, Politano, Vecino, Vrsaljko (pronto ma non al meglio) e deve rinunciare anche all’infortunato Nainggolan, lanciando dal primo minuto nella mischia Keita, che ha sempre fatto soffrire la Roma quando giocava nella Lazio, Joao Mario e Borja Valero. Ma quel che sorprende è che ha tentato, forse per la prima volta quest’anno a rimescolare i giocatori in campo, facendo giocare Perisic a centrocampo e lasciando il solo Asamoah sulla corsia di sinistra, che funzionava al contempo da terzino e da ala sinistra, al punto che esaurite tutte le energie di cui era in possesso, non ha avuto la lucidità di contrastare Under, nell’occasione del primo pareggio della Roma lasciandolo tirare liberamente a rete.
Resta il rammarico di non aver portato a casa la vittoria dopo essere passati per due volte in vantaggio ed aver concesso la possibilità di pareggiare ai giallorossi su una disattenzione di Asamoah e di un rigore inutile di Brozovic. Certo un rigore forse più netto ci stava nel primo tempo a favore dei capitolini per un fallo di D’Ambrosio su Zaniolo, ma resta il magone per non aver vinto contro quella che possiamo definire la seconda squadra della Roma, visti i numerosi titolari assenti.
Peccato non aver potuto assistere per un minutaggio maggiore, i due argentini in attacco giocare insieme, chissà se avremo a disposizione una prossima volta. L’Inter continua ad uscire indenne dall’Olimpico nelle gare tra Roma e Lazio ma, rispetto allo scorso anno si contano ben sette punti in meno in classifica. Non aver vinto contro la Roma che schierava titolari Juan Jesus e Santon, la dice lunga sull’occasione mancata. Cerchiamo di mantenere alto il profilo, ma intanto la capolista ha creato il vuoto dopo di sé e chissà cosa ci aspetterà sabato allo stadium.
Speriamo bene.
Marcello de Trizio.  

 

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *